PARCOVALLELAMBRO

PARCOVALLELAMBRO

99

Il Parco della Valle del Lambro è un Consorzio Regionale formato da 35 comuni e dalle Province di Milano, Como e Lecco. Ha una estensione di 66,22 km2 e si sviluppa sull’asse del fiume per circa 25 chilometri, iniziando a nord con i laghi di Pusiano e Alserio e terminando a sud con il Parco di Monza (il più grande Parco cittadino d’Europa).
Il nostro Parco si estende sul tratto brianzolo del Lambro: il fiume, infatti, vi entra all’altezza del lago di Pusiano; dopo aver perso le sue caratteristiche montane, inizia il suo percorso collinare, che terminerà nei pressi di Monza, proprio quando non fa più parte del nostro Parco, per assumere il suo aspetto definitivo di fiume di pianura.
"Il recupero e la tutela dell’ambiente" sono le motivazioni essenziali per cui è stato istituito il Parco. Questo territorio brianzolo, che ha avuto uno sviluppo industriale e antropico notevole, rischiava di veder morire il fiume e le presenze paesaggistiche di grande valore che si sono salvate dall’assalto dell’uomo.
Negli anni addietro, l’immagine del fiume Lambro è stata senz’altro negativa, data la torbidità delle sue acque e la melmosità del suo fondo, dovute indubbiamente all’inquinamento provocato dai numerosi scarichi, civili e industriali, che si riversavano nel fiume. Ora però, nel tratto interessato dal nostro Parco, il fiume si presenta positivamente, non solo nella bellezza paesaggistica e naturalistica delle sue sponde, ma anche per la ritrovata pescosità delle sue acque. Questa inversione di tendenza è dovuta soprattutto agli sforzi compiuti dal Consorzio Parco Valle del Lambro, dai Consorzi di Bonifica, dagli Enti Locali e dalle numerose associazione ambientaliste.

Oltre al fiume Lambro, il Parco ha due bacini lacustri che ne segnano il suo confine più settentrionale: i laghi di Pusiano e di Alserio. Il primo, più vasto, riceve le acque direttamente dal Lambro per poi riversarle di nuovo nel fiume; il secondo è alimentato da risorgive e ha le sponde interamente ricoperte di canneti, habitat naturale per numerose specie ittiche e avifauna di passo ed è una Riserva Naturale.

Vi sono anche altri ambienti umidi al suo interno: le sorgenti, che per la costante composizione chimica e la quantità di acqua sempre uguale, sono un perfetto habitat per alcune comunità vegetali e animali; gli stagni (i cosiddetti "specchi d’acqua ferma") e le rogge che si formano dopo i temporali estivi.

dal sito: http://scuole.xquasar.it/giussano/parco/.....






учасник з квітня 2010